Un nuovo articolo dedicato ai gruppi Facebook con l’obiettivo di capirne le possibilità e individuarne alcuni esempi di qualità, per ispirarci se vogliamo crearne uno o migliorare quello che gestiamo.

Facebook è il social delle possibilità: dalle chiacchiere fra amici, alle condivisioni, ai giochi, alle pagine di interesse, ma anche ai gruppi di ogni genere, sempre più numerosi e in espansione. Gruppi dove, a seconda della tipologia e degli interessi, ci si può confrontare su un argomento specifico, condividere una passione comune, scambiare informazioni importanti, trovare suggerimenti utili.
Ma prima di addentrarci sul loro funzionamento, approfondiamo la conoscenza della parola gruppo e la sua origine etimologica.

Gruppo (sostantivo maschile)

Insieme individuato da una propria configurazione o fisionomia: un g. di statue; un g. di aziende; un g. di amici; lavoro di g.; g. familiare, costituito dai membri di una famiglia; g. letterario, artistico, costituito da letterati, artisti con interessi e obiettivi comuni; g. musicale, complesso di musicisti.

Fare gruppo: costituire un insieme coeso e armonioso; agire sfruttando il fatto di essere in molti per sostenersi a vicenda o raggiungere uno scopo comune.
Dinamica di gruppo: nella teoria di Kurt Lewin (1890-1947), l’insieme degli equilibri, dei bisogni e dei rapporti di forza che determinano i comportamenti e l’evoluzione dei gruppi.

Origine etimologica: dal germanico kruppa (massa arrotondata), aveva originariamente il significato di nodo ed è passato poi ad indicare un insieme di elementi distinti, ma riuniti in modo da comporre una totalità.

 

Caratteristiche fondamentali per i gruppi Facebook ed esempi di qualità

Un gruppo facebook, per funzionare al meglio e quindi traguardare i suoi obiettivi, deve rispondere ad alcuni requisiti fondamentali:

  • essere gestito e moderato con costanza e capacità
  • stimolare la curiosità di chi si iscrive, per far sì che continui a crescere attraverso il passaparola
  • trattare tematiche e argomenti sui quali gli iscritti possano intervenire, commentando e apportando nuovi contenuti, affinché ci sia sempre una continuità
  • essere movimentato in maniera dinamica e fluente, impedendone la staticità che, inevitabilmente, condurrebbe alla fine dello stesso.

Facendo un giro tra i tantissimi Gruppi Facebook, ne ho scovati alcuni a mio giudizio interessanti, ognuno dei quali tratta un tema diverso: Arte, Fotografia, Libri, Musica, Creatività, Scuola, Animali, Città, Territorio, Estero.
Analizziamoli uno per uno, così da poter individuare quello o quelli che potrebbero fare al caso nostro, a seconda dei temi trattati.

 

1Per gli amanti di Caravaggio e dell’arte in generale: Caravaggio Pittore Maledetto  accedi al gruppo 
Qui troverete informazioni, aneddoti, curiosità sull’artista più significativo del panorama pittorico italiano.
Sarete sempre informati sugli eventi che lo riguardano, potrete condividere la vostra passione apportando contenuti di interesse pubblico, scoprire tante curiosità e conoscere i luoghi dove poter ammirare le sue opere.

2Per gli appassionati di fotografia: Semplicemente fotografare  accedi al gruppo 
Un gruppo per chi fa, della fotografia, oltre che una passione, un divertimento.
Lo scopo è quello di migliorare e migliorarsi reciprocamente, attraverso una sana discussione. I membri iscritti, oltre ad apportare contenuti interessanti, condividere fotografie straordinarie e particolari, interagire fra loro con suggerimenti e consigli, hanno avuto la meravigliosa idea di incontrarsi, una volta l’anno, oltre che per conoscersi, anche per portare la fotografia a confrontarsi con il reale.

3Per i divoratori accaniti di Libri: Spider&Fish Readers   accedi al gruppo 
Non importa se siete lettori di libri cartacei o digitali, qui potete recensire le vostre letture preferite, trovare suggerimenti utili sulle ultime novità, confrontarvi su un determinato libro, chiedere consigli, condividere contenuti simpatici purché inerenti al tema trattato dal Gruppo, essere informati in merito a eventi e presentazioni, e molto altro.
Un gruppo decisamente gradevole e stimolante.

4Per i nostalgici della musica disco: Disco Dance anni ’70/’80 ⇒  accedi al gruppo 
Obiettivo del Gruppo è “emozionarsi per emozionare”, attraverso l’ascolto e la condivisione di migliaia di brani che hanno fatto la storia della Disco Music di quegli anni.
Argomenti di discussione sono il genere musicale, lo scambio di informazioni, i testi dei brani e suggerimenti vari.
Ottimo anche solo per ascoltare della bella musica e, perché no, muoversi al ritmo per scaricare lo stress!

5Per chi è stimolato dalla creatività: Creativi ⇒  accedi al gruppo 
Gruppo di creativi dove professionisti e giovani talenti possono confrontarsi, stupirsi e stimolarsi.
Si spazia tra arte, eventi, pubblicità, fotografia, scrittura, regia, cultura visiva, sceneggiatura, architettura, cucina, design, tendenze e altro ancora, perché la creatività è un concetto trasversale che non può essere rinchiuso dentro alcun recinto.

6Per insegnanti, studenti, genitori alle prese con la scuola: Insegnanti 2.0   accedi al gruppo 
Un Gruppo dove provare, con il contributo di tutti, a definire un’idea di scuola che miri al miglioramento dell’apprendimento degli studenti di oggi, rispondendo ai nuovi bisogni di giovani generazioni digitali.
Qui una comunità di insegnanti, dirigenti, studenti e genitori condivide esperienze e idee in merito a didattica innovativa, didattica assistita dalle nuove tecnologie, metodologie didattiche supportate dalle nuove tecnologie, etc.

7Per chi desidera adottare un animale domestico: Te lo regalo… Animali in Adozione ⇒  accedi al gruppo 
Missione di questo Gruppo è trovare una casa e una famiglia ai nostri amici pelosetti, a volte abbandonati o maltrattati. Cani, gatti, ma anche coniglietti, che cercano solo affetto, coccole, cibo, in cambio della loro compagnia e devozione.
Il gruppo è rivolto a tutto il territorio italiano, quindi chiunque può trovare il “compagno” giusto.

8Per quelli che…Roma si ama o si odia: Roma ⇒  accedi al gruppo 
Gruppo interessante dove trovare o condividere la storia della nostra Capitale, eventi in programma, fotografie, curiosità, notizie, tutto rigorosamente legato alla città di Roma nel bene e nel male.
Utile per chi ci vive e per chi vuole scoprirla o visitarla.

9Per chi si interessa attivamente al proprio territorio: Comitato di Quartiere Torre Spaccata   accedi al gruppo 
La scelta di questo Gruppo è solo un esempio, per far comprendere di cosa si tratta; ognuno potrà trovare il gruppo attinente alla propria residenza.
Scopo di questo genere di comunità è quello di essere informati e informare sulle criticità e i disagi del proprio quartiere; confrontarsi, proporre soluzioni, segnalare eventi, organizzare incontri; il tutto rivolto a migliorare e rivalutare il proprio territorio.

10Per gli italiani che vivono all’estero: Italiani in Belgio ⇒  accedi al gruppo 
Anche in questo caso la scelta è puramente indicativa.
Fondamentale per chi decide di trasferirsi all’estero, è potersi confrontare con persone già presenti sul posto.Un Gruppo come questo serve a condividere esperienze, chiedere e dare consigli, ottenere informazioni importanti, suggerimenti e, perchè no, stringere nuove amicizie che ci facciano sentire un po’ meno lontani da casa.
Ci si può informare su case in affitto, scuole per i propri figli, punti di incontro, zone da evitare, etc.

Naturalmente questi sono solo alcuni dei numerosissimi Gruppi presenti su Facebook, frutto di una ricerca dettata da gusti e inclinazioni personali, ma se saprete cercare, troverete senz’altro quelli che fanno per voi e per aiutarvi in questo, ecco un link dove sono elencati tutti: www.facebook.com/findgroups.

 

Il miglior risultato si ottiene quando ogni componente del gruppo fa ciò che è meglio per sè e per il gruppo…Dinamiche dominanti, signori, dinamiche dominanti.
– John Nash (interpretato da Russel Crowe), in A Beautiful Mind

 

12 Risposte

  1. Roberto Rizzardi

    La potenza di una corretta analisi come questa sta tutta nella sua apparente semplicità. Distillare queste linee guida non è banale quanto può sembrare e, sulla base di due mie recentissime esperienze, fallimentare l’una e conflittuale l’altra, posso ben dire che gli amministratori di quei due gruppi trarrebbero gran beneficio da questo bell’articolo.

    Rispondi
    • Tiziana Rossi

      Grazie Roberto, anche in questo caso mi ha aiutata l’esperienza di admin, ma soprattutto il nostro “fare squadra” che ogni giorno mi arricchisce di contenuti e nuove cognizioni. Insomma, grazie a tutti voi che per primi avete creduto in me, e a Paola, senza la quale non sarei qui, in questo “mare” bellissimo!

      Rispondi
  2. Ilaria Volpi

    Grazie. Per me questo articolo ha rappresentanto una grande soddisfazione personale.
    Dedicato a tutti coloro che osteggiano Facebook per principio, dimenticando la differenza tra mezzo ed uso del mezzo stesso.
    Come ogni media. i Social Network possono essere usate in maniera negativa o positiva. Se c’è consapevolezza delle potenzialità del mezzo e progettazione, Facebook può diventare un grande mezzo di aggregazione culturale.
    Ilaria Volpi – Amministratore Spider&Fish Readers

    Rispondi
    • Tiziana Rossi

      Sono io che ringrazio te Ilaria e tutti gli admin del tuo fantastico gruppo, per non avermi osteggiata e per avermi dato fiducia pur non conoscendomi! Sono sempre stata attratta dai Social, perché ritengo siano un ottimo “strumento” al servizio di tutti, basta imparare a carpirne il meglio per sfruttarlo al meglio!

      Rispondi
  3. Anna Maria Panzera

    Complimenti Tiziana, il tuo articolo serve a far comprendere agli amministratori quanto del gruppo stesso arriva “fuori”: quando i contenuti sono curati, vincono inevitabilmente sui conflitti interni, sugli infiltrati che non mancano mai , su chi usa i social per polemiche unicamente autoreferenziali. Noi del gruppo Caravaggio pittore maledetto abbiamo aiutato gli studenti a trovare materiale per le loro tesi, a volte glielo abbiamo fornito e abbiamo ospitato firme importanti della storia dell’arte.
    Grazie per averci trovati e riconosciuti. Volendo, anche i social fanno cultura, rispondendo all’antica attitudine del web: il sapere democratico.
    Ancora grazie!

    Rispondi
    • Tiziana Rossi

      Grazie Anna Maria per il tuo riconoscimento, per me è un onore detto da te che stimo tantissimo! Per una come me, innamorata dell’arte in ogni sua forma, non è stato difficile trovare un gruppo come il tuo, mi è bastato seguire le “tracce” sparse nel web! La cultura è esattamente uno degli “strumenti” a disposizione sui Social, cui ho fatto riferimento in un mio commento precedente.

      Rispondi
  4. Giuseppe

    Grazie, Tiziana. Per un gruppo come il nostro, diciamo un po’ “settoriale”, è un gran bel risultato essere in questa tua ragionata Top Ten. Il nostro è un gruppo attivo e questi riconoscimenti sono l’unica “moneta” per il nostro impegno. Sdoganare facebook fra noi docenti non è una cosa semplice… Speriamo che anche il tuo articolo possa aiutare in questo. Un grazie da tutti gli admin e i membri di Insegnanti 2.0

    Rispondi
    • Tiziana Rossi

      Sono io che ringrazio voi, Giuseppe! Questi attestati di stima mi aiutano a crescere e migliorarmi, rendendo piacevolissima questa avventura intrapresa da un pò. Grazie a voi docenti anche e soprattutto per il lavoro che svolgete nonostante le continue “barricate” che trovate lungo il vostro percorso, nel Paese dell’arte e della cultura per eccellenza, dove questi valori sembrano essere un ostacolo piuttosto che un punto di forza!

      Rispondi
  5. Paola Cinti

    E’ stato facile per me immaginarti passare la linea di confine da admin di gruppi a blogger di settore. In fondo esperienze che possono essere di riferimento, come hai evidenziato, ormai ce ne sono ma la contempo manca l’idea che ogni gruppo fa parte di un insieme più grande e che piano piano deve diventare una vera e propria specializzazione di cui parlare e su cui confrontarsi (ci sono gruppi dedicati agli amministratori), proprio perché quella dei gruppi è una delle esperienze potenzialmente più innovative del web 2.0 e con ampi margini di sviluppo, non ancora del tutto esplorati.

    Rispondi
    • Tiziana Rossi

      Grazie Paola, a te più di tutti, perché hai scelto di investire il tuo tempo con me a tuo rischio e pericolo, grazie per averci creduto e per avermi incoraggiata, grazie per avermi fatta entrare in questa “famiglia 2.0” dove ho imparato tanto e continuerò a crescere con il vostro sostegno. Fiera di farne parte!

      Rispondi
      • Paola Cinti

        Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che creda in noi, immaginandoci oltre i nostri confini… Grazie a te per aver pensato che potevo avere ragione 🙂

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata