Another Point of View, questo è scritto nel pay-off del mio nuovo sito con una nuova grafica e un nuovo stile comunicativo.

Un altro punto di vista… un nuovo modo di comunicare per questa nuova versione del mio sito, ancora una volta nata dalle idee di Andreas, che ha scelto per me questo template, e da Susanna, che ha adeguato per l’occasione il logo da lei creato.

Un’altra sfida che continua una storia iniziata due anni fa con un blog dai toni più scuri e dalle idee più personali, un inizio che mi ha cimentato nel rapporto diretto con le persone che mi leggono, seguito da un’altra immagine – l’anno successivo – più luminosa e fortemente caratterizzata dalla presenza del logo sia in termini di immagine che di colore.

Ma fermarsi per noi è impensabile, il nostro lavoro ci costringe a vivere ogni nuova idea come possibile… e in questi anni il web, la comunicazione e il social networking non ci hanno lasciato un solo attimo di respiro. Il pay-off che all’inizio sicuramente voleva raccontare del mio essere donna in questo mondo e mi sfidava ad esprimermi su questi temi, già il secondo anno è diventato per me fusione tra realtà personale e professionale. Alle mie scoperte si sono affiancati alcuni progetti di lavoro, contaminati spesso dalla presenza  di  amici e colleghi tra le mie pagine.

Ed ora? Ancora non mi è chiaro del tutto, l’immagine è ancora molto più nella mente di chi lo ha pensato per me ed io sto ancora cercando il messaggio che c’è dietro. D’istinto direi che forse risolve una richiesta che si sta facendo sempre più pressante: “scrivi di più…” e forse questo seguirsi di immagini nella home mi costringe a farci i conti… come se un sito come questo avesse bisogno, per non tradire la sua vocazione, di un movimento maggiore, di una energia che lo tenga in vita.

A me sembra più grande del precedente, come se lo spazio si fosse ampliato con la presenza del colore… e in questo ci vedo molto l’esigenza di uscire dal conosciuto, dal certo, dalle facili risposte per andare a cercare ancora. Una proposizione che io conosco molto bene nelle storie di chi mi vive accanto e che, ogni giorno che passa, diventa sempre più mia.

Benvenuti ancora una volta… e grazie.

paola cinti website 2012

 

 

Se ti è piaciuto, condividilo...

10 Risposte

  1. Barbara Puccio

    Che bel post, Paola. Pieno di genuina passione ed entusiasmo per ciò che fai. Pay-off eccellente, come la grafica del resto. Anch’io credo molto nella sinergia e contaminazione tra persone,interessi e attività. Stimola la famosa serendipity.

    Rispondi
    • Paola Cinti

      Grazie Barbara! Per ora lo sento come un fiume che è fuoriuscito dai suoi argini e mi fa felice.
      Anche io credo nella fusione totale, nell’essere veri, trasparenti, reali nel privato come al lavoro… e quindi trovare anche un linguaggio che renda l’idea.
      Ora però vado ad immergermi nel tuo, che promette sicuramente bene!

      Rispondi
  2. Roberto Rizzardi

    Il tuo pay-off è più di un’accattivante etichetta, è un modo di affrontare la vita e le sfide che questa pone. Saper accogliere e valutare “altri punti di vista” è fondamentale, sempre chiarificante, spesso faticoso.
    Il web ha enormemente dilatato le potenzialità di questa pratica, come tu ci dici sempre peraltro.
    Lo ha fatto stressando la nostra capacità di padroneggiare questo flusso, facendoci desiderare di saper approntare nuovi e più efficaci metodi di gestione ed analisi.
    Tu ti chiedi: ed ora? Incertezza, timore e deliziosa aspettativa. Il meglio, come sempre, deve ancora venire.

    Rispondi
    • Paola Cinti

      C’è tanto futuro nei miei ultimi due anni, tanta energia, nonostante tutto. Questo credo sia il modo migliore di ribellarsi ad un epoca dominata da persone che cercano di dipingere il mondo a loro immagine e somiglianza, novelli Dei, ma che a molti di noi non corrisponde proprio.
      Quella sul web è la nostra lotta quotidiana contro un’idea che vogliono far passare per realtà, dichiarando 100 volte al giorno dov’è la verita, l’unica possibile… la nostra.
      Una fatica, un impegno e una gioia al tempo stesso.

      Rispondi
  3. Francesco Fedele

    Per quello che ti conosco, la tua energia e la tua determinazione ti faranno trovare le risposte che cerchi. Sarà affascinante assistere (e forse partecipare) a questa evoluzione. Vai alla grande. Sei una grande fonte di stimoli.

    Rispondi
  4. Antonio

    Fusione di “personale” e “professionale”. Fusione di bellezza e contenuto. Fusione di emozione e di ragionamenti “difficili”. Questo blog parla di te, questo blog quasi “è te”. Una proposizione sfidante di autenticità. Che dire?….”scrivi di più” 🙂

    Rispondi
    • Paola Cinti

      Grazie Toni, è una bella sfida questa, diversa dalle precedenti e non so se sono già io oppure se è quello che devo diventare. Vedremo… intanto grazie di essere qui.

      Rispondi
  5. Gianfranco Personé

    Che dire Paola, quando una come te raggiunge la vetta e poi si ripropone sempre di scalarne un’altra più alta, non ci sono parole, solo ammirazione e stima infinita. Questa continua sfida è… la tua vita, non puoi e non devi mai smettere di cercare, grazie a te anche noi ci sentiamo più vivi.

    Rispondi
    • Paola Cinti

      Non sai quanto è reciproca questa cosa. Questa, come molte altre esperienze, mi sono possibili anche perché non mi sento sola e posso contare sullo stimolo e sul confronto di persone come te.
      Grazie.

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata